Veglia e Celebrazione Eucaristica della notte

Natività di Guido Reni Museo Nazionale di San Martino - Napoli

"... e venne ad abitare in mezzo a noi"


VEGLIA

Mentre si esegue il canto di accoglienza, O cieli piovete dall'alto, il Celebrante bacia l’altare poi si reca alla sede.


O cieli, piovete dall'alto,

o nubi, mandateci il Santo.

O terra, apriti o terra e germina il Salvator.
Siamo il deserto, siamo l'arsura:
Maranathà, Maranathà!
Siamo il vento, nessuno ci ode:
Maranathà, Maranathà!
Siamo le tenebre, nessuno ci guida:
Maranathà, Maranathà!
Siam le catene, nessuno ci scioglie:
Maranathà, Maranathà!
Siamo il freddo, nessuno ci copre:
Maranathà, Maranathà!
Siamo la fame, nessuno ci nutre:
Maranathà, Maranathà!

Siamo le lacrime nessuno ci asciuga:
Maranathà, Maranathà!
di Joseph von Fuehrich Galleria Nazionale Berlino

Siamo il dolore, nessuno ci guarda:Maranathà, Maranathà!

 


MOZIONE INTRODUTTIVA

G) - Siamo radunati nel cuore della notte per rinnovare e rivivere il

grande evento dell'incarnazione di Dio in Gesù Cristo;siamo usciti dalle nostre case affascinati dal mistero di questa notte, attraverso la lettura delle Scritture, la preghiera, il silenzio e il canto vogliamo, dunque, prepararci a dare il  giusto senso alla nostra presenza: Dio ci ha radunati questa notte non per recitare il Natale di Gesù, ma per incarnarLo nella nostra vita con la fede e la comunione al Corpo di Cristo.

In questa Santa Notte, vedremo quello che hanno visto Maria, Giuseppe e i pastori nella stalla di Betlemme: Dio che si fa uomo affinché ogni uomo Lo possa avere come compagno della propria vita. Allora in questo Natale, si potranno cantare, come nel primo, la gloria di Dio e la pace sulla terra,anche questo Natale sarà la gioia e la speranza dei poveri di tutta la terra, perché l'amore di Dio per loro ha trovato in noi , il cuore, le mani, il volto di chi si spende per i fratelli.


SALUTO DEL CELEBRANTE

C) - Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.

T) - Amen.

C) - La grazia del Signore nostro Gesù Cristo, l’amore di Dio Padre e la comunione dello Spirito Santo sia con tutti voi. 

T) - E con il tuo spirito. 

Dopo alcune parole di introduzione del sacerdote la guida, prosegue: 

G) - La bontà del Cielo si apre ancora e continuamente sulla nostra vita e sulla nostra storia. Invochiamo insieme il Signore ripetendo insieme: 

Rit. Vieni, Signore Gesù! Vieni presto tra noi. 

O Sapienza, uscita dalla bocca dell’Altissimo, tu che riempi tutto l’universo e tutto disponi con forza e dolcezza, vieni a insegnarci la via della salvezza.

Rit. Vieni, Signore Gesù! Vieni presto tra noi. 

O Signore, Pastore del popolo di Israele, tu che sei apparso a  Mosè nel roveto ardente e sul Sinai hai dato la Legge, vieni a  riscattarci con braccio potente.

Rit. Vieni, Signore Gesù! Vieni presto tra noi. 

O Radice di Iesse, innalzato come segno per i popoli, davanti a te ammutoliscono i re della terra: tu, che sarai invocato dalle genti, vieni a salvarci, non tardare.

Rit. Vieni, Signore Gesù! Vieni presto tra noi. 

O Chiave di Davide, scettro della stirpe di’Israele, tu che apri e nessuno può chiudere, tu che chiudi e nessuno può aprire, vieni a liberare i prigionieri dalla morte.

Rit. Vieni, Signore Gesù! Vieni presto tra noi. 

O Astro nascente, splendore di luce eterna, tu che sei il sole di giustizia, vieni ad illuminare chi giace nelle tenebre e nell’ombra della morte.

Rit. Vieni, Signore Gesù! Vieni presto tra noi. 

O Re delle genti, atteso da tutti i popoli, tu che sei la pietra angolare e riunisci in uno i due popoli, vieni a salvare l’uomo che hai plasmato dalla terra.

Rit. Vieni, Signore Gesù! Vieni presto tra noi.

 

PREGHIAMO

C) - O Padre, la storia dell’umanità e la nostra stessa vita ti invocano! Il peso dei nostri limiti ci schiaccia, il desiderio di te nell’attesa si accresce: manda il tuo Figlio a risollevarci.

Donaci la tua salvezza, vieni a visitarci dall’alto e poni la tenda della tua dimora in mezzo a noi. 

Per il nostro Signore Gesù Cristo, che vive e regna con te e lo Spirito Santo, nei secoli dei secoli.

T) - Amen.

 G) Il Signore Dio non rimane indifferente alle invocazioni che salgono a lui dall’umanità: per amore ci ha creati; a motivo dello stesso amore egli si prende cura di noi. Per questo, fin dall’origine del mondo, Dio ha promesso, a chi ha creduto in lui, la venuta del Messia salvatore. Sono queste le promesse che Gesù ha portato a compimento con la sua nascita.


Canto: Lampada ai miei passi

 

La tua parola è lampada ai miei passi

sulla mia strada ci sei tu, Signore:

sei luce immensa con la tua parola,

sei gioia vera, e rimani in me.

 

Beato l'uomo d'integra condotta

che nella legge saldo resterà,

beato chi è fedele ai tuoi comandi

e chi ti cerca con sincerità.

 

Sono diritte tutte le sue vie

nel custodire il dono del Signor,

portando in cuore ogni tua parola

egli cammina nella verità.


L) - Dal libro della Genesi 

In quei giorni, Giacobbe chiamò i suoi figli e disse: “Radunatevi, perché io vi annunzi quello che vi accadrà nei tempi futuri. Radunatevi e ascoltate, figli di Giacobbe, ascoltate Israele, vostro padre! Non sarà tolto lo scettro da Giuda, né il bastone del comando tra i suoi piedi, finché verrà colui al quale esso appartiene e a cui è dovuta l’obbedienza dei popoli. 

Viene accesa la prima candela della corona dell’Avvento, mentre si canta:

Il Signore è la luce che vince la notte:

Gloria, gloria cantiamo al Signore!

Gloria, gloria cantiamo al Signore 

L) - Dal libro del profeta Isaìa 

In quel giorno, un germoglio spunterà dal tronco di Iesse, un virgulto germoglierà dalle sue radici. Su di lui si poserà lo spirito del Signore, spirito di sapienza e di intelligenza, spirito di consiglio e di fortezza, spirito di conoscenza e di timore del Signore. Non giudicherà secondo le apparenze e non prenderà decisioni per sentito dire; ma giudicherà con giustizia i miseri e prenderà decisioni eque per gli oppressi del paese. 

Viene accesa la seconda candela della corona dell’Avvento, mentre si canta:

Il Signore è la luce che vince la notte:

Gloria, gloria cantiamo al Signore!

Gloria, gloria cantiamo al Signore 

L) - Dal libro del profeta Michèa 

Così dice il Signore: “E tu, Betlemme di Efrata, così piccola per essere fra i capoluoghi di Giuda, da te mi uscirà colui che deve essere il dominatore di Israele; le sue origini sono dall’antichità, dai giorni più remoti. Perciò Dio li metterà in potere altrui fino a quando colei che deve partorire partorirà; e il resto dei tuoi fratelli ritornerà ai figli di Israele. Egli starà là e pascerà con la forza del Signore, con la maestà del nome del Signore suo Dio”. 

Viene accesa la terza candela della corona dell’Avvento, mentre si canta:

Il Signore è la luce che vince la notte:

Gloria, gloria cantiamo al Signore!

Gloria, gloria cantiamo al Signore 

L) - Dal libro del profeta Sofonìa 

Gioisci, figlia di Sìon; esulta, Israele, e rallegrati con tutto il cuore, figlia di Gerusalemme! Il Signore ha revocato la tua condanna, ha disperso il tuo nemico. Re d’Israele è il Signore in mezzo a te. Tu non vedrai più la sventura.

Viene accesa la quarta candela della corona dell’Avvento, mentre si canta:

Il Signore è la luce che vince la notte:

Gloria, gloria cantiamo al Signore!

Gloria, gloria cantiamo al Signore

 

ORAZIONE 

C) - Preghiamo.

Signore Dio le nostre lucerne sono accese per lodarti e pregarti in questa notte santa: previenici sempre e dovunque con la tua luce celeste affinché contempliamo con sguardo puro il mistero dell’incarnazione di cui ci hai voluto partecipi. Per Cristo, nostro Signore. 

T) - Amen 

Breve pausa di silenzio